domenica , 21 dicembre 2014
Ultimissime
Peter Wildoer interview – Intervista con Peter Wildoer

Peter Wildoer interview – Intervista con Peter Wildoer

scorrere in fondo per la versione italiana
Hi Peter and welcome on GroovePortal, first of all i would like to talk about your experience during the Dream Theater auditions:
Hey Emiliano and thanks for having me here. The Dream Theater audition was absolutely amazing! I got an email from James [LaBrie] and he asked me if I was interested in auditioning for DT. Of course I was! Some week later I got all info and a list with the drummers. I just laughed when I saw the other drummer’s names. They are all the top elite of heavier contemporary drumming and to be a part of that list was mind blowing. I then spent about a month to prepare by learning the songs and just overall working on technique, stamina and speed. I wanted to be the best I could of course.
I was so freaking nervous when we got to New York two days prior to the audition for me. One goal for my trip was to at least meet with Virgil Donati who is one of my favorite drummers and I’m so very inspired by his dedication to the craft of drumming. When he called me on my hotel room and asked me to come hang with him I was stoked. Very cool! I also “spied” on Mike Mangini when he arrived at his audition but I didn’t dare to go there to say hi. ;-)
The actual audition was very cool. My wife and I arrived at S.I.R. Studios and had a warm welcome by the guys in DT, their manager and his wife and everybody else who was there (film team, techs etc.). All in all I think there were about 20 people in the room and that made me even more nervous, hahahha. I had enough time to set up the drums the way I wanted, did some warm up and then we started with a jam. I kind of had to remind myself that I was jamming with DT! We then went through the three songs (A nightmare to remember, Dance of eternity and The spirit carries on). That went really well and the tension was gone after the first minute of the first song |A nightmare to remember].
After that they played me some ideas that was really progressive with lots of odd meters etc. If was VERY hard but I kind of got my head around it after a while and they were happy. After that we did an interview and just had a great hang an Petrucci said that I had to stay to have the best pizza in New York and so we did. All in all it was a fantastic experience and I had the time of my life.

You’ve record the drums for the latest James LaBrie’s album, talk about how this collaboration started.
I received a phone call from Matt Guillory [long time collaborator with James and composer/keyboard player] and he asked me if I was interested in recording drums for James’ new album. Well, not a hard decision! Matt got my name through a mutual friend that recommended me. James and Matt knew that they wanted swedish producer Jens Bogren to mix the album and Jens wanted them to record at Studio Mega in Sweden so they though it would be fitting with a swedish drummer. The whole process of working on the album was very inspiring and we had a great time together in the studio!

You worked as a session man for more artists like Darkane, Old Man’s Child, Pestilence, etc. how do you train yourself before a recording session?
Darkane is actually “my” own band. My dear friend Christofer Malmström [guitar] and myself started Darkane in 1998. Besides Darkane I’ve done a lot of sessions and I always prepare the same way. First I listen to the pre production songs a lot so I get a picture of what it’s all about. Then I start “writing” my drum parts and try to make them as creative as I can. I love working out beats and especially cool fills, hahaha. I also do a lot of different exercises to build speed, stamina and coordination so I’m in great shape for the long hours in the studio.

Do you have a daily “drum routine”?
I don’t play drums on a daily bass. I would love to, but I work full time as a teacher, have a family and house etc. so I can’t find the time to play drums every day. To bad… But I have some routines that I normally do as a warm up and to keep in shape. I like exercises where you practice all limbs at once plus timing, coordination etc. so the basic exercise is based on singles, doubles and pardiddles played in different layers with accents. As an example it’s great playing doubles with your hands and paradiddles with your feet but as triplets so you get three over four polyrhythm. This way you practice, coordination, timing with a metronome, rhythmic understanding and technique at the same time. Really efficient! At the moment I work a lot with placements of the hits so they are really on the position they suppose to be.

I saw you make clinics, which are the questions that people often ask you and which is the program of your clinics?
Most young drummers are interested in speed and the most common question is how you get fast feet with your double pedal. I’m really not that fast with my feet, there are other drummers that way surpasses me in speed. I’ve never really worked on being super fast but sometimes I wish I had, hahaha! I normally play songs on my clinics and then break them down and explain what I play and what ideas, concepts and techniques inspired me and led to the drumming I played. I also show exercises that I work on and most importantly talk about getting personality in your drumming. I think that’s the most important part, to have personality. Sometimes it’s not about speed, technique or stuff like that but more about being able to hear your drumming style, feel, touch, groove and so on, and that’s very important! On my last clinic I focused mainly on the mental aspect with handling nervousness, expectations, pressure on oneself and so on. These are the things I’ve been focusing on lately.

Do you teach drums?
I work as math and drum teacher at a music high school so I have 21 drum students every week and since two years I also teach students from music colleges in Sweden and Denmark. So I teach a lot actually and I like it a lot. Especially teaching on higher level with dedicated students. I’ve been teaching from 1996 actually.

What you think about the websites that offer online lessons? Some people thinks that is not good, others says that is good, what is your opinion?

Well it depends on what the teacher teaches of course. This is actually nothing new since there has been instructional videos and DVDs for a long time, it’s just that it’s easier available now. I think it’s a great complement to going to your local drum teacher. One bad thing is that it’s harder, if not even impossible, to get feedback and that’s bad. But as inspiration and getting to know new stuff it’s great! Now I’m talking about lessons you download. There are also lessons where you have a kind of Skype lesson and that’s a way to get feedback of course. I’ve done a few of those and that’s great. Although it’s not the same thing as being at a real lesson in real life, so to speak. I’m actually thinking about starting putting lessons online where I describe my different concepts and ideas. Just need to find the time to record and film them.

Are you planning some new tours with Darkane?

We’re recording our sixth album right now. The drums are done and I’m very happy with how it turned out and almost all rhythm guitars and bass are done. Next up is vocals, melody guitars, solo guitars and some string stuff etc. The album will most likely be out before next summer and then we will hopefully do some festivals and a tour after the summer in both Europe and the US.

Some time ago i saw some videos with you playing some interesting prog/fusion songs from Lalle Larson, you’ve work with him for his solo album or you played the songs only for the show?
I think you’re referring to Lalle’s song Experiment that I sometimes play at clinics. It’s a great prog/fusion/rock song. Lalle and I worked together on the Electrocution-250 album Electric cartoon music from hell and that’s one of the most crazy albums I’ve ever recorded. Later I worked with him on his Seven deadly pieces live DVD. That was very demanding and new to me as it’s music written for metal band, chamber orchestra and jazz musicians. Hopefully we will work together again! Lalle actually just recorded some piano for the new Darkane album and it sounds fantastic.

Can you give an advice to all those studying drums and that want to become professional drummers?
Well it’s not easy. I can not live from music myself. One important thing is to try touring and getting out there when you have them time and you’re young. Also it takes a lot of hard work and long hours practicing! Try to play as many different occasions as possible to get routine. I’ve played everything from jazz trios, big band, cover bands, pop/rock, metal, brass band etc. These different situations have formed me and personality in drumming. So DON’T be narrow minded, that’s very very important. Be open minded and let yourself be inspired by a lot of music!

Thanks for being with us Peter, we hope to have you as a guest really soon, if you want say something to the Groove Portal readers.

It was a pleasure doing the interview and thanks a lot. Best of luck to all you drummers out there and please enjoy and don’t bash other fellow musicians. If you don’t like something, just leave it be and listen to something else. Happy drumming!

italiano
Ciao Peter e benvenuto su GroovePortal, prima di tutto vorrei parlare
della tua esperienza con i Dream Theater

Ciao Emiliano e grazie per avermi invitato qui. L’audizione dei Dream Theater è stata assolutamente incredibile! Ho ricevuto una email da parte di James [LaBrie] e mi ha chiesto se ero interessato a un provino per i DT. Certo che lo ero! Qualche settimana dopo ho ricevuto tutte le informazioni e una lista con i batteristi. Ho riso quando ho visto i nomi degli altri batteristi. Fanno parte dell’elite del drumming contemporaneo e essere parte di questo elenco è stato strabiliante. Ho poi trascorso circa un mese per prepararmi imparando i brani e nel complesso lavoro sulla tecnica, resistenza e velocità. Volevo essere al meglio che potevo, naturalmente.
Ero molto nervoso quando siamo arrivati a New York, due giorni prima dell’audizione. Uno degli obiettivi per il mio viaggio è stato quello di parlare con Virgil Donati, che è uno dei miei batteristi preferiti e sono molto molto ispirato dalla sua dedizione al mestiere della batteria. Quando mi ha chiamato nella mia camera d’albergo e mi ha chiesto di venire a divertirsi con lui, sono stato entusiasta. Ho anche “spiato” Mike Mangini, quando è arrivato alla sua audizione, ma non ho avuto il coraggio di andare lì per un saluto. ;-)
Il giorno dell’audizione c’era molto freddo. Mia moglie ed io siamo arrivati ai S.I.R. Studios e ha avuto un caloroso benvenuto dai ragazzi dei DT, il loro produttore e sua moglie e tutti gli altri che erano lì (troupe, tecnici ecc.) Tutto sommato credo c’erano circa 20 persone nella stanza, il che mi ha reso ancora più nervoso! Ho avuto abbastanza tempo per impostare la batteria nel modo che volevo, fatto un po’ di riscaldamento e poi abbiamo iniziato. Ho dovuto riflettere sul fatto che stavo davvero suonando con i DT! In seguito abbiamo suonato i tre brani (A nightmare to remember, The dance of eternity e The Spirit Carries On). E’ andata molto bene e la tensione è sparita dopo il primo minuto della prima canzone.
Dopo di che abbiamo jammato su alcuni riff molto prog-oriented, con un sacco di tempi dispari. Non è stato facile, ma gli sono stato dietro bene ed erano soddisfatti. Dopo di che abbiamo fatto un’intervista e Petrucci mi ha detto di fermarmi per assaggiare la migliore pizza a New York e così abbiamo fatto. Nel complesso è stata un’esperienza fantastica, uno dei migliori momenti della mia vita.

Hai registrato le batterie per le ultime canzoni di James LaBrie, parlaci di come hai iniziato questa collaborazione:
Ho ricevuto una telefonata da Matt Guillory [collaboratore da lungo tempo con James e compositore / tastierista] e mi ha chiesto se ero interessato a registrare la batteria per il nuovo album di James. Beh, non è una decisione difficile! Matt aveva ottenuto il mio nome attraverso un amico comune che mi ha consigliato. James e Matt hanno richiesto il produttore svedese Jens Bogren per mixare l’album e Jens voleva che registrassi ai Mega Studio in Svezia, e quindi sarebbe stato meglio avere un batterista svedese. L’intero processo di lavoro per l’album è stato molto stimolante e ci siamo divertiti insieme in studio!

Hai lavorato come session man per grandi artisti come Darkane, Old Man’s Child, Pestilence, etc. come ti allenarsi prima di una sessione di registrazione?
Darkane è in realtà la “mia” band. Christofer Malmström [chitarra] ed io abbiamo iniziato i Darkane nel 1998. Oltre ai Darkane Ho fatto un sacco di sessioni e mi sono sempre preparato allo stesso modo. Per prima cosa ascoltando i brani in pre-produzione per un sacco in modo da ottenere un quadro generale del pezzo. Poi iniziare a “scrivere” le mie parti di batteria e cercare di renderle il più creative possibile. Mi piace lavorare su misure e fill il più interessanti possibili. Faccio anche molti studi sulla velocità, resistenza e coordinazione, per essere in forma per le lunghe ore in studio.

Hai una routine giornaliera di esercizi
Non suono la batteria tutti i giorni. Mi piacerebbe, ma io lavoro a tempo pieno come insegnante, ho una famiglia e la casa, ecc quindi non posso trovare il tempo per suonare la batteria ogni giorno. Ma ho alcune routine che normalmente uso come riscaldamento e per mantenermi in forma. Preferisco esercizi in cui si muovono tutti gli arti su diversi timing, per la coordinazione, così come l’esercizio di base su colpi singoli, doppi e paradiddles suonati su diversi “layer” con vari accenti. A titolo di esempio è interessante eseguire colpi doppi con le mani e con i piedi paradiddles come terzine in modo da ottenere una poliritmia “3 su 4″. In questo modo si lavora su coordinazione, tempi col metronomo, comprensione ritmica e tecnica allo stesso tempo. Davvero efficiente! Al momento lavoro molto sul posizionamento dei colpi in modo che siano davvero nella posizione in cui devono essere.

Ti ho visto fare clinics, quali sono le domande che il pubblico chiede e qual è il tuo programma?

La maggior parte dei batteristi giovani sono interessati alla velocità e la domanda più comune è il modo per ottenere velocità con il doppio pedale. In realtà non sono così veloce con i piedi, ci sono altri batteristi che mi superano in velocità. Non ho mai lavorato ad essere super veloce ma a volte vorrei avere questa caratteristica, ahah! Di solito suono i miei brani e poi spiego le varie parti e il modo in cui sono arrivato ad ottenere quello che suono. Mostro alcuni esercizi su cui lavoro e parlo spesso di personalità nel drumming. Penso che sia la parte più importante avere personalità. A volte non si tratta di velocità, tecnica o cose del genere, ma più di essere in grado di sentire il tuo stile di suonare la batteria, sentire, toccare, groove e così via, e questo è molto importante! Nella mio ultima clinic mi sono concentrato soprattutto sull’aspetto mentale: il controllo dello stress, le aspettative, la pressione su di sé, e così via.

Insegni batteria?
Insegno matematica e batteria presso una scuola di musica con ho 21 studenti di batteria ogni settimana e da due anni insegno anche agli studenti di scuole di musica in Svezia e Danimarca. Insegno molto dal 1996 e mi piace un sacco. In particolare l’insegnamento di alto livello con gli studenti dedicati.

Cosa ne pensi dei siti web che offrono lezioni on-line? Qualcuno pensa che non sia cosa buona, qual è la tua opinione?
Beh, dipende da ciò che l’insegnante insegna, naturalmente. Non c’è nulla di nuovo da mostrare, è solo che ora è più facile creare e distribuire materiale. Penso che sia un ottimo complemento oltre all’andare dal vostro insegnante di batteria locale. Una cosa negativa è che è più difficile, se non addirittura impossibile, ottenere un feedback e non va bene. Ma, come ispirazione e conoscere cose nuove è fantastico! Ci sono anche lezioni di cui si dispone di una sorta di lezione di Skype e questo è un modo per ottenere un feedback, naturalmente. Ho fatto un paio di queste lezioni. Anche se non è la stessa cosa come una vera e propria lezione nella vita reale, per così dire. In realtà sto pensando di iniziare a caricare lezioni on-line in cui descrivo i miei concetti e idee diverse. Solo bisogno di trovare il tempo per registrare e filmarli!

Avete in programma alcuni nuovi tour con Darkane?
Stiamo registrando il nostro sesto album in questo momento. Le batterie sono fatte e sono molto contento di come sono venute fuori, e quasi tutte le chitarre ritmiche e il basso è fatto. L’album uscirà probabilmente prima della prossima estate e poi speriamo di fare qualche festival e un tour dopo l’estate sia in Europa e negli Stati Uniti.

Qualche tempo fa ho visto alcuni video di Lalle Larson con interessanti pezzi prog fusion, devi lavorare con lui per il suo album da solista o hai suonato le canzoni solo per lo spettacolo?

Penso che ti riferisca a Experiment, brano di Lalle che a volte mi piace suonare nelle clinic. E’ un ottimo pezzo prog rock fusion. Lalle ed io abbiamo lavorato insieme sull’album Electrocution-250 album Electric cartoon music from hell e questo è uno degli album più folli che abbia mai registrato. In seguito ho lavorato con lui nei suoi Seven deadly pieces live DVD. E’ stato molto impegnativo e nuovo per me dato che è musica scritta per metal band, orchestra da camera e musicisti jazz. Speriamo di lavorare di nuovo insieme! Lalle ha registrato delle parti di piano per l’album dei Darkane nuovo ed è fantastico.

Puoi dare un consiglio a tutti i musicisti che studiano e che vogliono diventare batteristi professionisti?

Beh, non è facile. Io stesso non vivo di musica. Una cosa importante è cercare di girare e fare molto quando si ha tempo e si è giovani. Inoltre ci vuole un sacco di duro lavoro e lunghe ore di studio! Suonare in diverse situazioni il più possibile. Ho giocato tutto dal trio jazz, big band, cover band, pop/rock, metal, banda di ottoni, ecc. Con queste situazioni si sono formate diverse personalità nel mio drumming. Quindi non abbiate mentalità ristretta, che è molto molto importante. Siate di mentalità aperta e lasciatevi ispirare da un sacco di musica!

Grazie per essere stato con noi Peter, speriamo di averti come ospite molto presto, se vuoi dire qualcosa ai lettori di GroovePortal.
E’ stato un piacere. In bocca al lupo a tutti voi batteristi, Divertitevi e non scontratevi l’un l’altro. Se non vi piace qualcosa, ascoltate qualcos’altro. Buon drumming!

3 commenti

  1. Well, I really do appreciate your Interview with Peter Wildoer, Im one of his big fan here…:)

  2. Write more, thats all I have to say. Literally, it seems as though you relied on the video to make your point.

    You obviously know what youre talking about, why waste your intelligence on just posting videos to your
    blog when you could be giving us something
    informative to read?

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>